Sign in / Join

Toshiba riporta i guadagni a lungo ritardati, registra perdite di $ 8,8 miliardi

Ⓒ AFP/File – Kazuhiro NOGI – | Toshiba si trova ad affrontare una battaglia giudiziaria per vendere il suo prestigioso chip business per circa 18 miliardi di dollari – una vendita vissuta come cruciale per il suo turnaround

Toshiba ha soddisfatto giovedì una scadenza per segnalare i suoi risultati finanziari a lungo ritardati, affermando di aver perso circa 8,8 miliardi di dollari l’ultimo anno fiscale per la sua unità nucleare americana fortemente colpita Westinghouse Electric.

La mossa di una delle aziende più note del Giappone riduce notevolmente la possibilità di un delisting imbarazzante dalla Borsa di Tokyo (TSE).

Ma la società in difficoltà è ancora in un terreno sconnesso in quanto si trova ad affrontare una battaglia giudiziaria per vendere il suo prestigioso chip business per circa 18 miliardi di dollari – la vendita è considerata come cruciale per il suo svolta.

C’erano sempre più preoccupazioni che Toshiba non potesse mettere fine alla scadenza di giovedì per fornire i bilanci per l’anno fiscale conclusosi a marzo, in quanto era in contrasto con il suo revisore su perdite multi-miliardi di dollari a Westinghouse.

Toshiba aveva ripetutamente ritardato il rilascio del suo bilancio, dicendo che avrebbe bisogno di più tempo per valutare l’impatto di Westinghouse sul suo bilancio.

Le perdite massime della divisione – in gran parte dovute a ritardi e sovraccarichi di costo – hanno sollevato dubbi sul futuro di Toshiba, che sta ancora riprendendo da uno scandalo contabile 2015.

L’impresa sta anche sondando le affermazioni del denunciante di cattiva condotta finanziaria da parte degli alti dirigenti Westinghouse.

Tuttavia, il revisore, PricewaterhouseCoopers Aarata, ha rilasciato un giudizio qualificato sulle dichiarazioni di Toshiba giovedì, dicendo che erano “per lo più adeguate”.

La società ha dichiarato di avere una perdita netta di 965,7 miliardi di yen (8,8 miliardi di dollari) per l’esercizio chiuso al 31 marzo, ma ha dichiarato che sarebbe tornato alla redditività nell’attuale esercizio fiscale.

All’inizio di questo mese, le azioni sono state abbandonate dalla prestigiosa prima sezione della Borsa di Tokyo sui controlli interni inadeguati.

– ‘Solo l’inizio’ –

Toshiba deve ancora uscire da un valore negativo netto entro il marzo 2018 per evitare di essere eliminato.

“Toshiba ha fatto un passo positivo per evitare il rischio imminente di essere eliminato”, ha dichiarato Makoto Sengoku, analista di mercato presso Tokai Tokyo Research Center.

“Ma questo non è altro che un semplice inizio” della sua ristrutturazione.

Nel mese di giugno, Toshiba ha dichiarato di aver fatto negoziati esclusivi sulla vendita di chip unit con l’Innovation Network Corp di Giappone, la Banca di Sviluppo di Giappone e il fondo di private equity americano Bain Capital, con il chipmaker coreano SK Hynix Un prestatore.

Ma Western Digital americano, che gestisce congiuntamente una fabbrica di chip in Giappone con Toshiba, ha lanciato un’offerta giudiziaria per bloccare la vendita.

Toshiba è il numero due fornitore di chip di memoria del mondo, dietro Samsung della Corea del Sud, e la divisione redditizia ha rappresentato circa un quarto del fatturato annuo totale della ditta giapponese.

La vendita che comporta gli acquirenti statali significa che il governo giapponese possederà effettivamente la divisione chip.

Il Giappone ha preoccupato di perdere una tecnologia sensibile tra domande sulla sicurezza nei sistemi che già utilizzano i chip di memoria di Toshiba, ampiamente utilizzati nei data center.

Anche prima dei problemi di Westinghouse, la reputazione di Toshiba è stata fortemente danneggiata per quanto riguarda rivelazioni separate che i dirigenti della società hanno sottoposto a pressioni per coprire i risultati deboli per anni dopo il conflitto finanziario globale 2008.

Toshiba – che ha più di 180.000 dipendenti a livello mondiale – ha gettato una volta il suo business nucleare all’estero come futuro pilota di crescita, riempiendo un buco dopo la crisi del Fukushima 2011 sbattendo i freni su nuovi progetti atomici in Giappone.

Ma i ritardi e gli spostamenti di costo hanno colpito le finanze di Westinghouse quando le prospettive globali per l’attività nucleare sono indebolite.

Le azioni di Toshiba sono aumentate del 1,37% a 294 yen nei negozi di primo pomeriggio.

Termini di servizio