Sign in / Join

Il DNA mostra che il primo inglese moderno aveva la pelle scura, gli occhi azzurri

Ⓒ AFP – Justin TALLIS – | Un modello di ricostruzione del cranio di “Cheddar Man” dopo l’analisi del DNA dello scheletro di 10.000 anni fa mostra che i primi britannici avevano la pelle scura e gli occhi azzurri

Il primo inglese moderno aveva la pelle scura e gli occhi azzurri, hanno detto gli scienziati di Londra mercoledì, dopo un’analisi pionieristica del DNA sui resti di un uomo vissuto 10.000 anni fa.

Conosciuto come “Cheddar Man” dopo l’area nel sud-ovest dell’Inghilterra dove il suo scheletro fu scoperto in una grotta nel 1903, l’uomo antico è stato riportato alla luce attraverso la prima analisi completa del DNA dei suoi resti.

In un progetto congiunto tra il Museo di storia naturale della Gran Bretagna e l’University College di Londra, gli scienziati hanno praticato un foro di 2 mm nel cranio ed estratto polvere d’osso per l’analisi.

Le loro scoperte hanno trasformato il modo in cui avevano visto Cheddar Man, che era stato dipinto con gli occhi marroni e la pelle chiara in un modello precedente.

“È molto sorprendente che un inglese di 10.000 anni fa potesse avere quella combinazione di occhi molto azzurri ma pelle molto scura”, ha detto Chris Stringer del museo, che negli ultimi dieci anni ha analizzato le ossa delle persone trovate nella grotta.

I risultati suggeriscono che la pigmentazione più leggera essendo una caratteristica delle popolazioni del nord Europa è più recente di quanto si pensasse in precedenza.

La tribù di Cheddar Man è emigrata in Gran Bretagna alla fine dell’ultima era glaciale e il suo DNA è stato collegato a individui scoperti nella moderna Spagna, Ungheria e Lussemburgo.

Selina Brace, ricercatrice di DNA antico presso il museo, ha detto che l’ambiente rupestre di Cheddar Man è stato trovato per aiutare a preservare i suoi resti.

“Nella caverna hai un ambiente davvero bello, fresco, asciutto e costante, e questo in pratica impedisce che il DNA si rompa”, ha detto.

Ⓒ AFP – Justin TALLIS – | I creatori di modelli Adrie (L) e Alfons Kennis hanno creato il busto di “Cheddar Man” utilizzando uno scanner high-tech progettato per la Stazione spaziale internazionale

Un busto di Cheddar Man, completo di capelli scuri lunghi fino alle spalle e capelli corti, è stato creato usando la stampa 3D.

Ci sono voluti quasi tre mesi per costruire il modello, con i suoi produttori che utilizzavano uno scanner high-tech progettato per la Stazione Spaziale Internazionale.

Alfons Kennis, che ha fatto il busto con suo fratello Adrie, ha detto che i risultati del DNA erano “rivoluzionari”.

“È una storia che parla di migrazioni nel corso della storia”, ha detto a Channel 4 in un documentario che andrà in onda il 18 febbraio.

“Forse si sbarazza dell’idea che devi guardare in un certo modo per essere da qualche parte, siamo tutti immigrati”, ha aggiunto.

Termini di servizio