Sign in / Join

La giapponese Takeda comprerà Shire in un affare da 62,5 miliardi di dollari

Ⓒ AFP – Kazuhiro NOGI – | Gli analisti dicono che l’accordo sarebbe una mossa intelligente da parte di Takeda in quanto sembra diversificarsi, ma ci sono anche preoccupazioni che potrebbe essere sovraestendersi finanziariamente

Il gigante della droga Takeda ha detto martedì che avrebbe acquistato la società farmaceutica irlandese Shire in un accordo del valore di $ 62,5 miliardi, nella più grande acquisizione da parte di un’impresa giapponese.

L’accordo, che creerà una delle prime 10 società farmaceutiche del mondo, colma un lungo corteggiamento da parte di Takeda del suo più grande rivale mentre cerca di espandersi oltreoceano.

Shire il mese scorso ha detto che il consiglio di amministrazione raccomanderebbe l’offerta di 46 miliardi di sterline “soggetta a una risoluzione soddisfacente degli altri termini dell’offerta possibile”.

E martedì, Takeda ha annunciato che i consigli di amministrazione delle due società “hanno raggiunto un accordo sui termini di un’offerta raccomandata in base alla quale” l’azienda giapponese comprerà Shire.

L’annuncio segue una serie di offerte inferiori respinte da Shire nell’ultimo mese.

Gli analisti hanno detto che l’acquisizione sarebbe stata una mossa intelligente da parte di Takeda in quanto sembra diversificare, e potrebbe ripagare a lungo termine, ma ha anche sollevato preoccupazioni sul fatto che l’azienda giapponese potrebbe essere sovraestendersi finanziariamente.

In una dichiarazione separata, ha affermato che avrebbe finanziato l’accordo con un prestito di quasi 31 miliardi di dollari.

L’acquisizione è l’ultima di una raffica di fusioni e acquisizioni nell’industria farmaceutica, in quanto i giocatori tradizionali vedono profitti erosi dalla concorrenza di farmaci generici.

In particolare, le aziende giapponesi stanno affrontando pressioni a livello nazionale, dal momento che il governo cerca di ridurre i prezzi di molti farmaci di marca e di concentrarsi su farmaci generici meno costosi per frenare la spesa sanitaria man mano che la popolazione invecchia rapidamente.

Takeda, guidato dal francese Christophe Weber, ha attivamente cercato all’estero per le acquisizioni.

Nel 2011 ha conquistato la rivale svizzera Nycomed per 9,6 miliardi di euro (13,6 miliardi di dollari all’epoca).

Gli analisti hanno descritto la Contea come un obiettivo attraente per Takeda, con un portafoglio di trattamenti esistenti in settori in cui le barriere all’ingresso sono elevate e profitti elevati.

In particolare, Shire darà a Takeda l’accesso alla ricerca e allo sviluppo in settori che l’azienda giapponese ha a lungo cercato, compresi i sistemi digestivi, le malattie mentali e le malattie rare.

Martedì Takeda ha detto che l’acquisizione creerebbe un “leader biofarmaceutico” globale con sede in Giappone “con un’impronta geografica interessante e la scala per guidare lo sviluppo futuro”.

L’acquisizione “rafforzerà le aree terapeutiche centrali di Takeda, riunendo posizioni complementari in gastroenterologia (GI) e neuroscienza e fornirà posizioni di primo piano nelle malattie rare e nelle terapie derivate dal plasma”, ha aggiunto Takeda.

Le azioni di Tekeda hanno chiuso del 3,99% a 4.638 yen poco prima dell’annuncio, che era stato ampiamente previsto.

L’acquisizione dovrebbe entrare in vigore nella prima metà del 2019, ha detto.

Termini di servizio