Sign in / Join

Trump spinge un accordo commerciale separato con il Canada: la Casa Bianca

Ⓒ AFP/File – NICHOLAS KAMM – | Larry Kudlow, direttore del Consiglio economico nazionale, nella foto qui alla Casa Bianca il 4 aprile 2018

Il presidente Donald Trump sta “seriamente pensando” di concludere accordi commerciali separati con il Canada e il Messico al posto del vecchio accordo di libero scambio nordamericano di due decadi, e ha affrontato l’idea con Ottawa, un funzionario della Casa Bianca ha detto martedì.

“Preferisce i negoziati bilaterali e sta guardando due paesi molto diversi”, ha detto Larry Kudlow, consigliere economico di Trump su Fox News.

Un alto funzionario canadese ha dichiarato all’AFP che Ottawa “non esclude” di negoziare un accordo separato con Washington, ma per ora si sta concentrando sui colloqui del NAFTA.

Ma il ministro dell’Economia messicano Ildefonso Guajardo ha dichiarato in una dichiarazione che il suo paese ha voluto mantenere un accordo a tre nazioni.

Guajardo ha dichiarato che il Messico ritiene che il NAFTA sia stato “altamente vantaggioso” e ha attratto investitori stranieri che cercano di accedere al mercato nordamericano.

“Riteniamo che l’accordo perderebbe valore se smettesse di essere quello che è oggi e vogliamo che continui a essere: un’integrazione trilaterale del continente”, ha affermato.

La notizia del possibile cambio di rotta durante i negoziati arriva quando Washington affronta l’opposizione unificata delle economie del Gruppo dei Sette, che hanno promesso di vendicarsi delle tariffe di acciaio e alluminio di Trump.

Il Messico ha pubblicato martedì un elenco più dettagliato di prodotti specifici statunitensi che si trovano ad affrontare dazi di ritorsione all’importazione.

Parlando martedì a Fox News, Kudlow ha detto che era in attesa di una reazione da parte dei principali funzionari canadesi a cui aveva trasmesso l’idea lunedì.

“Sto aspettando di sentire quale sarà la loro reazione francamente, ho parlato ieri con uno dei loro migliori personaggi, proprio accanto al primo ministro, che probabilmente mi richiamerà qualche volta oggi”, ha detto Kudlow, esprimendo speranza risposta sarebbe arrivata “il più presto possibile e far avanzare l’intero processo”.

Kudlow ha notato che i colloqui per il rinnovo del NAFTA si erano “trascinati”, quindi accordi separati “potevano essere in grado di accadere più rapidamente”.

Trump “sta prendendo seriamente in considerazione un cambiamento nei negoziati del NAFTA … (e) mi ha chiesto di comunicarlo”, ha detto, aggiungendo che il presidente “ha creduto che bilaterale sia sempre meglio, odia i grandi trattati”.

– Il NAFTA parla in sospeso –

Trump di venerdì aveva pubblicamente lanciato l’idea di avere accordi individuali in sostituzione del NAFTA, che ha chiamato di nuovo “un pessimo affare”.

Il funzionario di Ottawa ha dichiarato all’Afp: “Il Canada non sta escludendo la firma di un patto commerciale bilaterale separato con gli Stati Uniti, ma al momento siamo ancora concentrati sulla negoziazione di un accordo NAFTA di successo”.

Ha notato che Trump aveva diffuso questa idea del patto bilaterale l’anno scorso, quando il Primo Ministro Justin Trudeau lo visitò alla Casa Bianca.

Trump inizialmente ha minacciato di ritirarsi dal patto a tre nazioni. I colloqui di revisione e ammodernamento dell’accordo sono in corso dalla fine del 2017, ma si sono impadroniti delle richieste degli Stati Uniti di aumentare il contenuto americano in auto del NAFTA esenti da dazi e una clausola di caducità quinquennale.

I negoziati sono ora sospesi a causa delle prossime elezioni in Messico e negli Stati Uniti.

Il funzionario canadese ha detto che attualmente non ci sono piani per un altro giro di colloqui del NAFTA, ma i funzionari “rimangono in contatto per telefono ed email”.

Kudlow ha detto che Trump “non si ritirerà dal NAFTA, ma cercherà un approccio diverso”.

“Il pensiero importante è che si stia muovendo rapidamente verso queste discussioni bilaterali invece che nel suo insieme”, ha detto Kudlow, ma ha notato che non è chiaro quanto presto ciò avverrà.

I colloqui del NAFTA sono solo una delle sfaccettature della politica commerciale multi-frontali di Trump, che prevede l’imposizione di forti tariffe sull’acciaio e sull’alluminio provenienti dai principali alleati degli Stati Uniti – Canada, Messico e Unione europea – che hanno provocato forti ritorsioni.

Termini di servizio